IL PUDM VERRÀ PRESENTATO ENTRO FINE MESE

Il consigliere di maggioranza Vincenzo Cancemi (nella foto), nonchè capogruppo di Avola La Nostra, riferendosi agli otto consiglieri di opposizione che hanno reso pubblica l’interrogazione nei confronti del sindaco Cannata, e rivolgendosi in particolar modo al consigliere Nuccio Inturri, primo firmatario dell’interrogazione, inizialmente passa al contrattacco sostenendo che nel corso della campagna elettorale gli otto consiglieri non hanno fatto che puntare il dito contro il sindaco Cannata «dicendo che aveva investito solo ed esclusivamente sulla valorizzazione del lungomare e del Borgo Marinaro a discapito delle aree periferiche di Avola e adesso ci venite a dire l’esatto contrario». Poi Cancemi risponde agli interrogativi cercando di fare il punto della situazione e fissa una scadenza per la presentazione del PUDM: entro fine mese!

Il lungomare è stato il nostro cavallo di battaglia

I risultati sono sotto gli occhi di tutti affermando con dati concreti che quest’anno il flusso turistico è cresciuto del nostro 30% rispetto allo scorso anno. Nessuno può affermare che uno strumento (il PUDM ndr.) così importante e di sviluppo per la nostra città è stato abbandonato e il consigliere Inturri dovrebbe sapere anche i motivi.

Perchè il Comune non ha ottemperato agli obblighi

Se l’ufficio non ha ottemperato agli obblighi e alla tempistica di presentazione è perché c’è stata una variazione della legge Regionale e di conseguenza la Regione stessa, introducendo una nuova normativa che prevede la V.A.S, invia il commissario. Inoltre, continua Cancemi, il consigliere Inturri dovrebbe sapere anche che ad oggi, sempre con carte alla mano, nessun comune della Sicilia ha un PUDM approvato poiché tutti nella stessa condizione.

Il PUDM verrà presentato entro fine mese

Concludo ricordando al consigliere Inturri che l’ufficio sta lavorando a pieno regime sulla redazione del PUDM e che entro fine mese verrà presentato. Ma c’è da ricordare anche che il comune presentò il Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo giá nel 2010, e nello stesso anno fu inviato dall’Assessorato competente. Qui rimase per qualche anno nei cassetti di qualche funzionario, senza essere mai preso in considerazione. Quindi nel 2015 viene inviata una nota dall’Assessorato dove si chiede lo stato dell’ arte del PUDM, si riscontra detta nota nonostante ciò si invia in commissario ad acta, il dott G. Simili.

 

Commenti da Facebook

commenti