IL COMUNE DI AVOLA NON OTTEMPERA AGLI OBBLIGHI DEL “PUDM”. LA REGIONE NOMINA COMMISSARIO GAETANO SIMILI GRAVANDO SULLE CASSE COMUNALI

Otto consiglieri di opposizione, Inturri Sebastiano (nella foto), Alia Fabrizio, Tardonato Francesco, Rossitto Sebastiano, Caldarella Stefania, Amato Antonino, Sano Gaetano e Rametta Giovanni, hanno sottoscritto un documento, nella fattispecie una interrogazione al Sindaco Cannata, al fine di far luce sul PUDM (Piano d’uso del demanio marittimo) e quindi sulla nomina del Dott. Gaetano Simili in qualità di Commissario ad acta presso il Comune di Avola.

Cosa è il PUDM?

Il Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo (P.U.D.M.) è un importante documento di pianificazione, che individua le modalità di utilizzo del litorale marino e ne disciplina gli usi, sia per finalità pubbliche sia per iniziative connesse ad attività di tipo privatistico, regolamentate mediante rilascio di concessioni demaniali marittime in conformità alle vigenti disposizioni.

Il Comune non ha ottemperato agli obblighi

Detto ciò, scrive Inturri, il nostro Comune, con nota n. 18229 del 20/04/2015 del Dipartimento del Territorio e dell’Ambiente inviata a mezzo PEC in pari data, è stato affidato a provvedere alla presentazione del P.U.D.M. entro il termine perentorio di gg. 20 dalla data di ricezione della stessa, ed in caso di mancato riscontro l’Assessorato avrebbe provveduto alla nomina di un commissario ad acta. Non avendo ottemperato alla nota, l’Assessorato Regionale con D.A. 231 / Gab del 09-06-2015 ha nominato il Dott. Gaetano Simili Commissario ad acta presso il Comune di Avola, per provvedere, in via sostitutiva nei confronti dell’Amministrazione comunale, alla redazione e proposta a codesto Assessorato del P.D.U.M. del Comune di Avola.

Interrogazione a risposta orale sul PUDM

Uno dei punti cruciali dell’interrogazione riguarda le cause del mancato invio che hanno determinato la nomina del commissario Gaetano Simili da parte dell’Assessorato in sostituzione dell’Amministrazione, il cui intervento sostitutivo è gravato sulle casse comunali. Si chiede inoltre a che punto è il nuovo PUDM che dovrebbe redigere l’amministrazione. I dettagli sono riportati nel documento in calce.

Commenti da Facebook

commenti