GRUPPO DI CICLISTI AVOLESI EVITANO IL SUICIDIO DI UN SETTANTENNE

di Nino Campisi

Nella mattinata di ieri un gruppo di sette di ciclisti amatoriali si è trovato davanti ad uno scenario alquanto insolito. Dopo la partenza decidono di immettersi sulla circonvallazione e giunti all’altezza del cavalcavia che unisce via Fontana con la strada Petrara-Gallina, lì si accorgono che una persona in pigiama, seduta a cavalcioni sul guardrail dello stesso cavalcavia, manifestava volontà suicide. Le intenzioni erano chiare: la persona sul cavalcavia era in procinto di lanciarsi nel vuoto.

Tra i ciclisti quattro agenti della Polizia di Stato, gli avolesi Corrado Canonico, Sebastiano Nanè, Massimo Boscarino e Luca De Grande che spinti dal senso del dovere mettono in pratica una strategia per evitare che l’uomo compisse il tragico gesto.

Mentre alcuni rimangono sulla sede stradale cercando di distrarre il malcapitato, due lo raggiungono e senza che lo stesso se ne accorgesse lo braccano in tempo prima che si lasciasse andare.

Allertato il Commissariato locale, poco dopo arrivavano gli agenti della volante che prendono in consegna Sebastiano Iacono, settantenne, ex cicloamatore da tempo sofferente di stati depressivi.

@antcampisi

Commenti da Facebook

commenti