LA SALUTE SI RESPIRA: I FATTORI AMBIENTALI CHE INCIDONO SULLO SVILUPPO DELLE MALATTIE

di Nino Campisi

salute_respira

“La Salute si Respira”, è il tema che nel tardo pomeriggio di sabato 20 febbraio è stato discusso nella Sala Frateantonio in un incontro formativo sui fattori ambientali che incidono sullo sviluppo delle malattie.

L’argomento è stato proposto da Graziella Montoneri, Presidente di Sicilia Donna di Avola, che prima di presentare i relatori e dare il benvenuto ai presenti, ha puntualizzato l’importanza dell’Associazione, sempre a sostegno delle donne che affrontano malattie come il tumore alla mammella, e si è soffermata sull’importanza di partecipare a questi incontri informativi.

Relatore d’eccezione, il Dott Paolo Fontana, Specialista in Chirurgia Generale, da anni si occupa di prevenzione e trattamento del tumore alla mammella.

Il Dott Fontana, attraverso alcune slide, ha fornito una descrizione dettagliata di come i fattori ambientali possono incidere sulle malattie, soprattutto quelle neoplastiche – ovvero la formazione di tumori – e dei rischi a cui noi tutti siamo costantemente esposti.

«E’ importante sapersi difendere da questi rischi – precisa il Dott Fontana – assumendo atteggiamenti tali da poter condurre stili di vita più sani, e nello stesso tempo avere rispetto per l’ambiente in cui viviamo. E’ questo il messaggio che dobbiamo lanciare alle future generazioni».

Il Dott Paolo Pantano, Ecologista, ha raccontato le lotte che portate avanti contro le istituzioni che solitamente si fingono sorde quando si tratta della difesa dell’ambiente.

«Insieme ad altri attivisti ci siamo battuti per evitare il veder sorgere inceneritori in Sicilia, e con molte difficoltà ci siamo riusciti. Per lo smaltimento dei rifiuti non è possibile ricorrere agli inceneritori in quanto inquinanti; è molto più semplice attuare il sistema della raccolta differenziata, che fra l’altro è un buon espediente che può incentivare l’economia».

L’intervento della Signora Nicoletta Zorzan, coordinatrice di un’Unità Senologica, ha messo in evidenza la tragicità che investe le donne con tumore al seno: 48.000 mila ogni anno, un dato altrettanto tragico che può essere contrastato con una seria e accurata prevenzione.

Tra i presenti in sala c’è chi punta il dito verso le industrie, e chi invece contro il mancato controllo delle istituzioni.

«Non siamo qui per accusare nessuno – interviene il Dott Paolo Fontana – Il nostro incontro serve a confrontarci e recepire tutti un unico messaggio. Rispettare l’ambiente in cui viviamo, condurre uno stile di vita più sano. Imparare a conoscere meglio ciò che può provocarci malattie»

In programma altre due importanti appuntamenti di “Sicilia Donna”: Il 6 – 7 – 8 marzo, tre giornate di salute al femminile. Programma intenso di formazione, informazioni, forum aperto al pubblico. Presentazione di un video elaborato dall’Associazione per la sensibilizzazione e la tutela delle donne operate al seno. Il 14 aprile, incontro informativo dal titolo “Alimentazione e tumore”. A maggio, data da definire, evento mediatico per la sensibilizzazione e raccolta fondi.

Le foto dell’evento sono disponibili sul nostro repository flickr.

@antcampisi

Commenti da Facebook

commenti